Come diventare mental coach: requisiti, formazione, lavoro

35

Al lavoro, nello sport, nella vita di tutti giorni la preparazione mentale gioca un ruolo fondamentale. Avere un atteggiamento positivo e determinato aiuta a vincere e superare certe situazioni difficili. Per dare il meglio in ogni situazione superando i limiti, significa realizzare il proprio potenziale a pieno. Oggi esiste una figura il cui compito è proprio sostenere in questo percorso. Si tratta del mental coach, che può essere definito anche come allenatore della mente. Chi desidera approfondire le specifiche di questo professionista, può a scoprirlo qui.

Chi è e cosa fa un mental coach

Il mental coach, tradotto letteralmente allenatore mentale, è un professionista che affianca per raggiungere i propri obiettivi. Ultimamente se ne è sentito parlare in ambito sportivo ma in realtà opera in qualunque settore, anche semplicemente per migliorare la vita di tutti i giorni. Aiuta a definire gli obiettivi e mettere nelle condizioni, anche mentali, per raggiungerli utilizzando una serie di tecniche, tra cui anche la mindfulness.

Non è uno psicologo, non è un tutor: è qualcosa di ancora diverso. Il suo lavoro è affiancare e seguire al fine di dare maggiore consapevolezza in sé e nelle proprie capacità. Il suo lavoro è finalizzato a sviluppare e potenziare le proprie abilità. Il suo compito è quello di aiutare a rafforzare la fiducia in sé stessi, acquisire una visione vincente, allontanare i pensieri negativi, stimolare la concentrazione.

Quali sono i requisiti per diventare mental coach

Non ci sono dei requisiti particolari per diventare un mental coach. Ovviamente, è necessario avere una buona predisposizione a mettersi in gioco per aiutare gli altri a raggiungere il benessere psicofisico ed emotivo. Sostenere gli altri nel migliorarsi come persone e professionisti deve essere una vocazione per diventare un coach mentale.

Sotto il profilo fiscale, il mental coach un libero professionista con la sua partita Iva. Per trovare tutto il supporto per aprire e gestire una partita Iva low cost, si può approfondire qui trovando un partner qualificato e sempre disponibile anche per chi lavora freelance.

Come si diventa mental coach

Nel nostro Paese la figura di mental coach non è inquadrata dal punto di vista normativo. Non esiste ad oggi un albo professionale a cui iscriversi, ad esempio.  Tuttavia, ci sono diversi corsi per diveltarlo. Per fortuna, esiste un’offerta formativa molto ampia che consente di diventare dei veri professionisti in coaching.

Fiscozen è il consulente fiscale che propone servizi di alta qualità all inclusive per tutti i professionisti e le imprese individuali in base al regime fiscale. Chiunque può trovare la migliore assistenza qualificata per aprire la partiva iva, compilare la dichiarazione dei redditi e gestire l’attività: con Fiscozen c’è la possibilità di farlo in modo facilissimo.

Un mental coach allena il potenziale grazie a tecniche di meditazione, mindfulness, pensiero positivo. Il percorso per arrivare ai propri obiettivi e mantenere i risultati nel tempo viene cucito addosso al cliente con un approccio tailor made al fine di rispettare l’unicità di ogni persona.

CONDIVIDI