Per fuggire dai carabinieri, libera i pitbull per nascondere droga e armi: arrestato 32enne

15

Si trovava in sospettosa attesa davanti alla sua abitazione, quando alla vista di una pattuglia dei carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Reggio Emilia è subito rientrato nel garage di casa liberando i suoi due pitbull in modo tale da evitare l’ingresso dei militari.

Accorgimenti che non gli hanno impedito di finire nei guai in quanto i carabinieri, all’esito della successiva perquisizione domiciliare, lo hanno trovato in possesso di un etto di droga tra marijuana ed hashish, un bilancino di precisione e un’ottantina di cartucce calibro 7.62 e 357 magnum.

Per questo motivo con le accuse di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione abusiva di munizioni i carabinieri hanno arrestato il 32enne cittadino marocchino Y.A., residente a Reggio Emilia, ristretto al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana.

L’origine dei fatti ieri poco dopo le 18.30, quando una pattuglia della sezione radiomobile della compagnia di Reggio Emilia transitando lungo via Giordano Bruno a Cadè di Reggio Emilia, notava davanti la sua abitazione in sospettosa attesa il 32enne marocchino, peraltro noto per i suoi precedenti in materia di stupefacenti. L’uomo, alla vista dei carabinieri ,si allontanava velocemente all’interno dell’attiguo vano garage liberando nel contempo, con il probabile intento di spaventare i militari e farli desistere dal controllo, due cani razza pitbull. I Militari invitavano il 32enne a chiudere nuovamente i cani nel box, per poi alla luce di quanto accertato e considerato i precedenti specifici a carico dell’uomo, procedere a perquisizione domiciliare che si concludeva con esito positivo.

In particolare sul bordo di una finestra posta nei pressi delle cucce dei cani, venivano rinvenuti tre involucri in cellophane trasparente risultati contenere oltre 10 grammi di hascisc. Nel cassetto del mobile del salotto veniva rinvenuta una busta con 12 grammi di marijuana ed un bilancino elettronico di precisione con tracce di stupefacente sul piatto di pesatura mentre dopo aver rimosso lo zoccolo, nascosta sotto il mobile della cucina, veniva rinvenuta un’ulteriore busta in cellophane con 85 grammi di marijuana. All’interno di un armadio di una delle camere venivano rinvenute 61 cartucce cal. 7,65 e 15 cal. 357 magnum. Illegalmente detenute. Alla luce di quanto accertato l’uomo veniva quindi condotto in caserma e arrestato, in ordine ai citati riferimenti normativi violati, e ristretto a disposizione della Procura reggiana.