Vasta operazione antidroga, smantellate due organizzazioni

15

Smantellate due organizzazioni criminali albanesi concorrenti tra loro che si scontravano per vendere all’ingrosso la droga al miglior prezzo e un’altra organizzazione, magrebina, che la acquistava per poi venderla al dettaglio sulla via Emilia, in particolare fra Reggio Emilia e Modena, ma anche in tutto il Nord Italia.

E’ l’esito dell’operazione ‘Trexit’ (l’ultima della trilogia di inchieste tra il 2014 e il 2020 avviate con ‘Exit’ e ‘Rexit’ sempre negli stessi territori) contro il narcotraffico portata a termine dalle squadre mobili delle questure di Reggio Emilia, Modena, Bologna, Cremona, Firenze, Forlì, Mantova, Modena, Parma, Torino e Belluno.

Nella notte sono state eseguite 29 misure cautelari, di cui 9 ordinate dal gip Luca Ramponi del tribunale di Reggio Emilia su richiesta del sostituto procuratore Giacomo Forte e 20 dal gip Alberto Ziroldi del tribunale di Bologna su richiesta del pm della Dda felsinea Roberto Ceroni: 18 persone, ritenute ai vertici dei tre distinti sodalizi, dovranno rispondere di associazione a delinquere e, a vario titolo, di traffico – anche internazionale – di droga; 26 si trovano in carcere, due agli arresti domiciliari e uno all’obbligo di firma. Ma sono 11 le persone ricercate, tra cui l’unica donna degli indagati, una pusher di nazionalità lituana.

CONDIVIDI