Il costume da bagno ha conquistato gli stilisti, che spettacolo in passerella!

0
136

Un tempo l’offerta in materia di costumi da bagno era piuttosto esigua e spesso limitate alle aziende specializzate, ma con il tempo e grazie anche alla spinta di interessanti piccole nuove realtà, in molti hanno capito che si trattava di un campo inesplorato, dal grandissimo potenziale e su cui c’era ancora molto da fare tanto che anche tutti i grandi brand della moda mondiale vi ci sono gettati a capofitto.
E così sono stati tanti gli stilisti che hanno abbracciato questo trend scegliendo addirittura di far sfilare nelle loro passerelle la loro interpretazione di moda da spiaggia.

Come le modelle di Anthony Vaccarello per Saint Laurent, vere e proprie amazzoni sexy che camminano sulle acque in succinti costumi da bagno, neri o in stampa animalier, pensati come veri e propri abiti da sera. Ideali per feste speciali in piscina by night.

Modelli interi “cut-out“ e con lacci per tutte le diverse personalità: dalla proposta sofisticata di Eres a quella più sfrontata di Agent Provocateur, dallo sgambato convertibile di Myra al trikini di Reina Olga.
Si sono viste anche le surfiste urbane e sofisticate di Sportmax che aprono la strada ad un genere sì sportivo, ma dall’appeal pret-à-porter. Si va dal costume olimpionico di EA7 Emporio Armani al completino crop top + mini slip di Matteau o alle proposte in neoprene, come lo smanicato di Billabong o la manica lunga di Stella McCartney.
Più grande, audace e sfacciato che mai, torna prepotentemente sui costumi da bagno dell’estate 2019 da vero protagonista il logo. Complice la diffusa nostalgia per gli anni ’90 lo troviamo all over e ripetuto, oppure semplicemente scritto a chiare lettere, soprattutto sui costumi interi dal taglio sportivo come mostra il costume intero di Fendi e Gucci o il bikini monospalla di Louis Vitton.
Chanel accontenta gli animi delle signorine bon ton con look pensati per vacanze chic nelle sofisticate riviere del Mediterraneo.

Puntando anche sulla proposta del suo logo a caratteri cubitali e presentato in passerella sotto a capi in denim.
Altro ever-green per la spiaggia è il floreale, che con i giusti accessori assume toni boho-gipsy, come pensato per la sfilata di Etro. Altre proposte bucoliche arrivano dal due pezzi con balconcino di Dolce & Gabbana, dalla macrostampa proposta da Liu Jo e ancora dal monospalla con volant di Johanna Ortiz e dai toni allegri e rilassanti di Maryan Mehlhorn.

Ste. Rab.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui