E-R: Accolte 10 nuove istanze, oltre 50mila euro per ripartire dopo la violenza

0
162

È stata una seduta quasi interamente dedicata al tema della violenza di genere quella del 17 aprile scorso, quando il Comitato dei Garanti della Fondazione e-r per le vittime dei reati si è riunito per valutare le istanze ricevute dai Sindaci della regione nei primi mesi del 2019.

Sono state 10 le richieste ricevute, tutte accolte, provenienti dalle province di Bologna (3 istanze), Piacenza (2), Forlì-Cesena (2), Ferrara, Rimini e Parma. Erogati complessivamente 52.700 euro per dare sostegno a 28 vittime di reato, vale a dire 9 donne, 1 uomo e 18 figli coinvolti nelle violenze.

Le istanze hanno riguardato 7 casi di maltrattamenti in famiglia sulla donna – e, direttamente o indirettamente, sui bambini, che in diversi modi sono stati coinvolti nella difesa della madre o come vittime essi stessi –, 2 violenze sessuali e 1 rapina aggravata.

I reati di violenza in famiglia si connotavano per la particolare gravità degli atti, perduranti da anni, resi in molti casi più crudeli dai problemi di dipendenza o dalle patologie psichiatriche del maltrattante. Non di rado le violenze sono arrivate a tal punto da far temere la donna per la propria incolumità e per quella dei suoi figli. Da qui la forza di chiedere aiuto ai Servizi Sociali, ai Centri Antiviolenza, alle Forze dell’Ordine.

In alcuni di questi casi la donna si trova con i bambini in un luogo protetto, per sua scelta o per decisione del Tribunale per i Minorenni di Bologna intervenuto a tutela delle vittime, in altri il partner è detenuto o agli arresti domiciliari in un’altra città e la donna deve ricostruire da capo la propria vita e quella dei bambini. La Fondazione ha deliberato il suo contributo per sostenere le spese per la casa, i percorsi scolastici dei figli, supportare psicoterapie o interventi educativi per donne e bambini, favorire il trasferimento in un’altra città per chi ha deciso di allontanarsi dal maltrattante.

Le due violenze sessuali, una delle quali solo tentata, hanno richiesto l’impegno della Fondazione per un contributo a coprire le spese di psicoterapia e parte delle spese legali.

La rapina, infine, è avvenuta a Bologna nel dicembre 2018 ai danni di un uomo che camminava per la città in orario notturno ed è stato aggredito da un gruppo di sconosciuti. A lui la Fondazione ha riconosciuto un contributo per le spese sanitarie e di sostegno psicologico che è costretto ad affrontare.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui