Sbarca a Reggio la truffa dei ‘vicini di casa’: due anziani derubati

0
487

«Ciao Antonio come stai? E’ in casa Maria? Tuo figlio Giuseppe come sta?». Una nuova truffa “sbarcata” da alcuni giorni nel reggiano che i carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Emilia, hanno ribattezzato la truffa dei “falsi ex vicini di casa”.

Così un 85enne di Reggio Emilia che usciva di casa è stato avvicinato da una donna. Dopo i convenevoli (sapeva i nomi di tutti i familiari), l’ha lasciato in compagnia del marito, mentre lei raggiungeva in casa la moglie.

Stesso copione: abbracci baci per poi chiedere di farle vedere casa. In camera da letto la richiesta di farle vedere, come convenuto con il marito che si trovava fuori, la cassaforte a muro.

Quindi la richiesta di svuotarla per vederne la capienza avendo intenzione di acquistarne una uguale. Messi i soldi e preziosi in una busta (circa 5.000 euro in contanti una busta con tutti i monili in oro posseduti) la donna con destrezza si impossessava della busta dileguandosi con il complice.

Materializzato di essere incappati in due truffatori ai malcapitati anziani non è rimasto altro da fare che dare l’allarme ai carabinieri di Reggio Emilia che hanno raccolto la denuncia e avviato le indagini.

La prima regola è sempre la solita: non aprite agli sconosciuti e nei casi dubbi chiamare il 112. Per evitare questa nuova tipologia di truffa invece i carabinieri consigliano di non fare entrare in casa sconosciuti sebbene facciano intendere di conoscerli (fornendo i nomi veri delle vittime che magari reperiscono dai campanelli) chiamando subito il 112.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui