Spacciatore marocchino arrestato: il 30enne smerciava cocaina nelle campagne correggesi

0
290

Correggio. Dava appuntamento ai clienti, che lo contattavano telefonicamente, nelle campagne del comune di Correggio dove li raggiungeva in sella ad un bicicletta. A scoprirlo i carabinieri  che l’altra sera, al culmine di un mirato servizio antidroga, hanno sorpreso il pusher nel bel mezzo dell’attività di spaccio a favore di due giovani clienti.

L’essere riuscito a darsi alla fuga non gli ha impedito di essere arrestato: rintracciato nel corso delle ricerche in un vicino casolare abbandonato, che occupava abusivamente inisieme a 3 suoi connazionali, è finito in manette.  Si tratta di un  cittadino marocchino 30enne in Italia senza fissa dimora a cui i militari hanno sequestrato 4 dosi di cocaina. Oltre allo stupefacente al 30enne i carabinieri correggesi gli hanno anche sequestrato oltre 2.000 euro ritenuti provento dell’illecita di spaccio, vario materiale per il confezionamento delle dosi ed alcuni cellulari ritenuti il tramite per i contati con i clienti. L’uomo iniseme ai tre suoi connazionali di 21, 30 e 35 anni, veniva denunciato per concorso in furto aggravato avendo dotato il casolare che i 4 occupavano abusivamente di energia elettrica che sottraevano dalla rete pubblica attraverso un allaccio abusivo del contatore dell’immobile abusivamente occupato.

L’origine dei fatti l’altra sera quando nel corso di un mirato servizio antidroga, svolte nelle campagne correggesi della frazione Budrio, i militari di Correggio notavano il sopraggiungere di uno straniero in sella ad una bicicletta che si avvicinava ad un’autovettura Lancia Y con a bordo due giovani. Il giovane in sella alla bici alla vista dei carabinieri cercava invano di disfarsi di un involucro, poi risultato contenere 4 dosi di cocaina, che veniva recuperato dai militari con l’uomo che sceso dalla bicicletta si dava alla fuga per i campi facendo perdere le sue tracce.

Appurato che i due giovani sull’avuto, per loro stessa ammissione, erano clienti del pusher in fuga, i militari si ponevano alle sue ricerche rintracciandolo in un vicino casolare in stato di abbandono ubicato in via Massenzatico di Correggio che risultava occupare abusivamente unitamente a suoi tre connazionali.  Altra denuncia per ricettazione veniva invece inoltrata alla Procura reggiana nei confronti di uno dei tre suoi “coinquilini” nella cui camera i carabinieri rinvenivano e sequestravano una patente di guida rubata a una 83enne reggiana lo scorso 21 luglio.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui