Dà fuoco ai cassonetti per sfogare il nervoso, 50enne reggiano finisce nei guai

0
557

San Polo d’Enza. Nessun atto di ritorsione o di vendetta: l’incendio appiccato a fine ottobre ad alcuni cassonetti per la raccolta differenziata della plastica sono da ricondurre, per stessa ammissione del diretto interessato, al gratuito atto vandalico compiuto da un 50enne reggiano che ha voluto in questo modo “dar sfogo alla suo nervoso”.

Ad accertarlo i carabinieri della stazione di San Polo d’Enza che, con l’accusa di danneggiamento seguito da incendio, hanno denunciato alla Procura di Reggio Emilia un 50enne reggiano. L’uomo è anche il responsabile dell’incendio di alcune rotoballe di fieno, appiccato con le stesse motivazioni, in un podere agricolo le cui fiamme si erano estese a un vicino bosco incendiando anche alcuni alberi.

L’origine la mattina del 27 ottobre quando i carabinieri di San Polo d’Enza sono stati attivati a seguito dell’incendio di un cassonetto per la raccolta differenziata della plastica ubicato in via Val d’Enza del comune di Canossa. Stabilita l’origine dolosa delle fiamme i carabinieri sampolesi avviavano le indagini che, grazie anche all’acquisizione di preziose testimonianze, conducevano a un 50enne reggiano. L’uomo, chiamato in caserma si mostrava collaborativo ammettendo la paternità non solo del danneggiamento del cassonetto di via Val d’Enza di Canossa ma anche di quello, per il quale non era stato richiesto l’intervento dei carabinieri, appiccato poco prima ad altro cassonetto in via dell’industria dello stesso comune.

Ai carabinieri che gli hanno chiesto i motivi di tale comportamento ha “giustificato” la sua condotta  con la “necessità” di dar sfogo al suo nervoso.

Stessa motivazione peraltro, come emerso nel corso delle indagini, che l’aveva vis toappiccare la mattina del 10 luglio scorso il fuoco ad alcune rotoballe di fieno. Fiamme che, senza che il 50enne lo volesse,  si erano poi propagate a un vicino bosco incendiando vegetazione ed alcuni alberi per circa 50 mq di boscaglia.

Alla luce degli elementi raccolti a carico dell’uomo, il 50enne reggiano veniva quindi denunciato alla Procura reggiana per il reato di danneggiamento seguito da incendio continuato. L’accendino utilizzato per dar fuoco ai due cassonetti veniva rinvenuto nell’auto dell’uomo e sottoposto a sequestro.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui