Vende auto on line che non esistono: truffatrice seriale beccata dai carabinieri reggiani

0
344

Reggio Emilia – Commercializza online autovetture usate che ovviamente non consegna. Quando l’acquirente paga la caparra richiesta, la truffatrice chiede il danaro necessario per effettuare il passaggio di proprietà.

Tuttavia quando l’acquirente ottempera anche alla seconda richiesta la truffatrice sparisce nel nulla. In questo modo la “doppia truffa” è servita. La donna grazie a inserzioni esca che trattano, a prezzi assolutamente convenienti, la vendita di autovetture usate, una carta prepagata dove ricevere i soldi e l’utenza telefonica dove poter essere contattati, si insidia nei siti di compravendita più cliccati raggirando le persone.

Per questo motivo una 30enne abitante in provincia d Vercelli è stata ora denunciata dai carabinieri della stazione di Reggo Emilia Santa Croce per il reato di truffa. La vittima, un 43enne abitante a Reggio Emilia, dovendo acquistare un’autovettura e dopo aver visto un inserzione trattante la vendita di una Volkswagen Touran a 2.700 euro, ha contattato telefonicamente l’inserzionista concordando l’acquisto dell’auto.

Dopo aver versato 200 euro a titolo di caparra l’inserzionista contattava l’acquirente chiedendo l’invio – tramite WhatsApp – delle foto dei documenti e del codice fiscale per poter adempiere alle formalità concernenti il passaggio di proprietà richiedendo inoltre ulteriori 400 euro per coprire le relative spese.

Ottenuto anche il secondo versamento l’inserzionista spariva nel nulla. La vittima materializzato di essere stato raggirato si è presentata ai carabinieri della stazione di Via Adua trovando le certezze ai suoi sospetti. I carabinieri infatti dopo una serie di riscontri identificavano la venditrice accertando che la vendita dell’auto a favore del reggiano era la punta di un iceberg di una vera e propria condotta truffaldina che l’hanno vista raggirare, con le stesse modalità, altre persone.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui