Negli slip le dosi di cocaina pronte allo spaccio: 23enne reggiano denunciato

0
178

Viaggiava in qualità di passeggero a bordo dell’auto condotta dall’amico con le dosi di cocaina nascoste nelle mutande.

A scoprirlo i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Reggio Emilia nel corso del controllo di un’auto fermata durante un posto di blocco in via Fratelli Cervi di Reggio Emilia.

Al riguardo il giovane finito nei guai, durante le procedure di identificazione, si è mostrato particolarmente preoccupato insospettendo i componenti della pattuglia che hanno optato per approfondire i controlli. I carabinieri non si sono sbagliati: l’uomo è stato trovato in possesso di una decina di dosi di cocaina che occultava all’interno delle mutande che indossava.

Con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Reggio Emilia hanno denunciato alla procura della repubblica presso il tribunale di Reggio Emilia un 23enne operaio reggiano a cui i militari hanno sequestrato 9 dosi di cocaina.

Ai carabinieri è apparsa sospetta la circostanza che ha visto il giovane, dopo essere stato fermato, apparire fortemente preoccupato.

Uno stato d’animo che congiunto al rinvenimento di una modica quantità di marijuana in disponibilità dell’autista (un 22enne reggiano che è stato segnalato quale assuntore di stupefacenti) ha indotto i carabinieri ad approfondire i controlli culminati con il rinvenimento in disponibilità del 23enne di 9 dosi di cocaina che il ragazzo occultava all’interno delle mutande che indossava.

Dalla caserma, dove nel frattempo i giovani sono stati condotti all’abitazione del giovane il passo è stato breve e dove i carabinieri davano corso a una perquisizione domiciliare che si concludeva senza rinvenire ulteriore sostanza.

Quanto trovato in disponibilità del ragazzo tuttavia, è bastato per poter ravvisare a suo carico il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, per la cui ipotesi delittuosa veniva quindi denunciato alla Procura reggiana.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome qui